Perchè i gatti fanno la pasta?

Il comportamento del “fare la pasta” dei gatti è un comune comportamento felino.
Ci sono molte spiegazioni sul motivo per cui i gatti impastano, ma è senza dubbio un tratto istintivo. I gattini appena nati massaggiano la pancia della mamma mentre si accoccolano vicino a lei, e si ritiene che il movimento stimoli il flusso del latte attraverso le sue mammelle. È molto probabile quindi che il comportamento istintivo sia semplicemente confortante per i gatti.
Nel corso del tempo, i gattini imparano a eseguire il comportamento di impastamento quando provano conforto, calore, soddisfazione e legame emotivo. I gatti adulti si comportano impastando quando provano sentimenti di felicità, sicurezza emotiva e contentezza, perché ricordano di aver provato questi sentimenti associati al comportamento di impastare che hanno compiuto quando erano gattini.


Come impastano?

L’impasto è un movimento che i gatti fanno spingendo le loro zampe, alternando tra destra e sinistra. Alcuni gatti usano solo le zampe anteriori, mentre altri usano tutte e quattro le zampe. Alcuni gatti impastano con gli artigli completamente ritratti, mentre altri estendono i loro artigli mentre spingono e ritraggono mentre si ritirano.
Viene quasi sempre fatto su una superficie morbida come un cuscino, un piumino, un altro gatto o persino sulle tue ginocchia. Spesso l’impastamento del gatto è accompagnato da fusa felici, e talvolta anche da sbavature, talmente è rilassato!

Perché impastano?

Comportamento infantile – Anche se impastare una superficie morbida non produce latte, i gatti adulti associano per sempre il movimento di impastare con il benessere gratificante dell’allattamento.

Marcatura – A volte i gatti impastando con le loro zampe sulla superficie di un’area (sì, incluso te), stanno attivando le ghiandole odorifere situate all’interno dei cuscinetti plantari, contrassegnando così quell’oggetto come di loro proprietà. Quell’odore (feromone) funge da marcatore territoriale per i gatti non familiari che potrebbero arrivare e tentare di rivendicare quell’oggetto, quel luogo ecc… I gatti possono anche impastare con le loro zampe prima di spruzzare l’urina per marcare il territorio. Quindi, quando il tuo gatto ti sta massaggiando, non ti sta solo dicendo di sentirsi a suo agio e sicuro, ma ti sta rivendicando come suo.

Estro – Alcune femmine impastano frequentemente poco prima di andare in calore, come segnale per i maschi della sua volontà e capacità di accoppiarsi. Mentre il ciclo di estro continua, la micia farà miagolii lamentosi che si intensificheranno rapidamente diventando persistenti allo scopo di attirare l’attenzione di un maschio. Può anche camminare senza sosta, contrassegnare le zone della casa con le urine, diventare estremamente affettuosa e assumere la posizione di accoppiamento (testa bassa, con i posteriori rialzati) quando le accarezzi. È impossibile scoraggiare questi comportamenti naturali, e il modo migliore per eliminare i sintomi associati al ciclo femminile dell’estro è far sterilizzare la gatta.

Gattini separati precocemente

Premettendo che quasi tutti i gatti adulti impastano, indipendentemente da come o quando sono stati svezzati, ci sono alcuni casi di  gatti che impastano e succhiano tessuti, parti del corpo dell’umano ecc… perché sono stati separati o svezzati dalla madre troppo presto, e quindi proseguono nel comportamento infantile anche nell’età adulta.

In genere è un comportamento che scompare da solo nel tempo mentre Micio cresce (a meno che non venga rafforzato dall’essere umano!).
Se il tuo gatto è raggomitolato e impasta mentre lo stai coccolando, si sta rilassando ed è in uno stato di gratificazione. Insomma, è felice!

Attenzione però, a volte questo può essere un modo per scaricare lo stress! E’ un comportamento sostituivo. Consultare eventualmente un esperto.

Sfortunatamente, questo a volte può essere piuttosto doloroso, dal momento che più felice è, più impasterà con le sue unghie.

Clicca qui per sapere cosa fare

Per riassumere:

  • Indica il rilassamento
  • Stimola la produzione di latte dalle ghiandole mammarie
  • Indica rilassamento dopo aver vissuto una situazione stressante
  • E’ una marcatura per i proprietari umani.

Un gatto timido e pauroso

È un istinto naturale per la maggior parte dei gatti rimanere cauti fino a quando non possono essere sicuri di essere al sicuro e che non intendi fare loro del male.

Tuttavia, un gatto con una natura timida mostra comportamenti molto più estremi  al mondo che li circonda.

Sicuramente tutti ci siamo imbattuti in un gatto come questo ad un certo punto della nostra vita. Corrono e si nascondono dagli estranei che entrano in casa, non si avvicinano mai o raramente per essere coccolati e amano nascondersi sempre. Anche il proprietario stesso potrebbe avere difficoltà ad avere un rapporto con questo gatto.

Perché è così timido?

Il perché un gatto ha paura ha diverse.

In generale, il gatto si comporta nervosamente, è timido o pauroso per i seguenti motivi:

  • Carattere o genetica. Ovviamente il carattere di ciascun gatto influenza notevolmente il modo in cui si comporta, e spesso all’interno di quel comportamento c’è una componente genetica. Un’altra possibile causa di questa “eredità” potrebbe anche essere che la mamma era selvatica e il gattino ha appreso questa paura da lei.
  • Perché non è stato socializzato in tenera età – È importante per i gattini, soprattutto nelle prime settimane e nei primi mesi della loro vita, avere molti contatti con persone e altri animali.
    Purtroppo alcuni gatti non ricevono queste prime esperienze e quindi il mondo e le persone in esso diventano una cosa spaventosa. Non sono sicuri di come reagire se non nascondendosi.
  • Trauma o cattivo ricordo. Se il gatto è stato maltrattato, picchiato, ecc… è logico che agisca con paura e che non si fidi delle persone. Se questa situazione traumatica si verifica nei primi mesi di vita, allora è ancora più probabile che il gattino avrà paura. Quando il trauma si verifica da adulto, il comportamento successivo tende ad avere a che fare più con riflessi di difesa che con la paura.
  • Cambio di ambiente. Come abbiamo detto più volte, il gatto è un animale territoriale e, normalmente, un cambiamento di ambiente può influire sul suo comportamento. Una delle comuni situazioni in cui un gatto ha paura è proprio quando cambia ambiente.

Clicca qui per consigli pratici

Periodo di socializzazione

Il periodo di socializzazione di un gatto va in genere dalle 2 a 9 settimane di vita. In ogni caso, i primi mesi di vita del gattino sono molto importanti per la sua socializzazione, quindi il contatto che in quel periodo ha avuto con tutti i tipi di esseri umani è fondamentale.

Questo non significa che dobbiamo adottare gattini molto giovani (fino ai primi 3 mesi è meglio che rimanga con la mamma) o che nei primi mesi di vita dobbiamo esporre il gattino a stimoli costanti, ma è utile per il suo sviluppo comportamentale che possa incontrare persone di tutte le età, senza ovviamente essere forzato.

Il gatto che nel periodo di socializzazione non ha avuto contatti con gli umani sarà più difficile se non addirittura impossibile in molti casi che possa condividere armoniosamente la sua vita con un umano. Costringere un gatto di questo tipo a vivere con gli umani può essere dannoso, trasformando il gattino in un gatto che vive costantemente nella paura, nascondendosi, ecc…

Suggerimenti da seguire con un gatto spaventato o timido

  • Creare un ambiente silenzioso, senza rumori forti. I gatti hanno un forte senso dell’udito e qualsiasi rumore strano può metterli in allerta. Un gatto spaventato e timido sarà più felice in una casa tranquilla.
  • Creare degli spazi in cui il gatto può nascondersi o arrampicarsi. Il fatto che abbia posti come scatole, case, spazi alti, ecc… renderà il gatto più sicuro e non dovrà correre a nascondersi ogni volta che qualcosa lo spaventa. Quando il gatto sente quella minaccia, molto probabilmente si nasconderà o si arrampicherà da qualche parte, quindi se lui è consapevole di avere questi tipi di spazi nelle vicinanze, probabilmente oserà di più anche in nostra presenza.
  • Stimolarlo al gioco con strumenti che non prevedano un contatto diretto con noi e sopratutto che ci permettano di giocare ad una certa distanza, compre esempio la cannetta. Questo o farà rilassare e sentirsi sicuro proprio perché non obbligato ad avere un contatto fisico diretto in questa attività.

È interessante notare che le persone che, quando vengono a casa, evitano una relazione con il gatto (quelle persone che dicono che “non amano molto i gatti”) di solito hanno un linguaggio del corpo e un atteggiamento lento e non minaccioso per il gatto di casa (Non lo inseguono, non cercano di toccarlo, non lo guardano direttamente, ecc.) Il gatto percepirà questi gesti non minacciosi come qualcosa di amichevole e, quindi, sarà più propenso ad avvicinarsi a questi ospiti pur non essendo amanti del gatto!

I gatti vivono il lutto?

Il dolore è stato osservato in molte specie selvatiche in seguito alla morte di un compagno, un genitore, una prole o un compagno di branco. Ad esempio, gli elefanti sono stati visti letteralmente accarezzare il corpo di un compagno defunto per fare un esempio.

Il dolore varia a seconda degli individui e alcuni gatti mostrano un lieve dolore, mentre altri possono essere profondamente traumatizzati. Nel passato, questa variabilità ha portato alcuni scienziati a respingere il concetto di dolore animale come antropomorfismo da parte del proprietario. Tali scienziati dimenticano, o ignorano, il fatto che gli umani sono ugualmente variabili nel modo in cui esprimono il dolore.

Molti purtroppo credono ancora oggi che gli animali non sentono dolore. Sicuramente i gatti non percepiscono la morte allo stesso modo degli umani, e ci sono chiare differenze tra lutto umano e felino. Gli umani possono mostrare dolore per la scomparsa di parenti lontani o addirittura di personaggi pubblici. I gatti non possono piangere per coloro che non hanno mai incontrato; i gatti si addolorano solo per compagni familiari. I gatti non mostrano gli stessi modi ritualizzati di affrontare il loro dolore come fanno gli umani, ma esibiscono i propri segni di lutto.

I gatti sono consapevoli della morte?

Il dolore nel lutto si verifica a causa della brusca e improvvisa interruzione dell’attaccamento. Sebbene i gatti siano considerati distanti e solitari, in realtà sono animali sociali e sono capaci come i cani di formare attaccamenti profondi a persone e altri animali. È quindi ovvio che una rottura di quell’attaccamento porta al lutto.
I gatti sono consapevoli che una persona familiare o un gatto compagno è assente e possono cercare quella persona o gatto anche per molto tempo. La morte o l’assenza di qualcuno può cambiare una gerarchia stabilita. L’improvvisa assenza di qualcosa di familiare è angosciante per molti gatti. Basti pensare alle mamme gatte i cui gattini vengono portati via e che spesso cercano i loro cuccioli per molti giorni, continuando a camminare e piangere. Oltre al dolore fisico delle ghiandole mammarie gonfie di latte, le mamme mostrano vero e proprio dolore mentale.

Alcuni proprietari dicono che i gatti sopravvissuti non cercano un compagno, dopo aver visto il corpo. Altri possono annusare il corpo, leccarlo e magari cercare di svegliare il loro compagno prima di concludere che il loro amico se n’è andato.

L’assenza improvvisa può essere dovuta anche a una persona che si allontana da casa, ad es. un ragazzo che va all’università o che lascia completamente casa; un familiare malato o anziano che va in ospedale o in una casa di riposo; divorzio; un altro animale domestico scompare o viene introdotto o il gatto stesso che viene collocato altrove. Tutti questi eventi lasciano dei traumi nella vita di un gatto e, a seconda di quanto il gatto era attaccato alla persona scomparsa, possono causare la reazione che chiamiamo dolore. A differenza degli umani, i gatti non capiscono il concetto di separazione temporanea e qualsiasi separazione lunga è, nella mente del gatto, permanente.

Clicca qui per consigli pratici

Gli stadi del lutto

Il primo stadio del dolore è l’attivazione. Durante l’attivazione, il gatto in lutto può passare ore o giorni a cercare il compagno mancante. Se il compagno mancante è un membro della famiglia umana, il gatto può avvicinarsi alla porta ogni volta che qualcuno entra in casa. I gatti esterni possono cercare il loro territorio o sedersi sulla soglia aspettando il compagno assente. Se il tuo gatto inizia a cercare, potresti dover restringere i suoi movimenti per diversi giorni. Questo stadio è seguito dalla depressione. Nel giro di poche settimane (occasionalmente più a lungo), i periodi di depressione si accorciano e diventano meno frequenti e il comportamento normale si ripresenta. Il comportamento normale può includere alcune modifiche comportamentali permanenti legate ai cambiamenti dei diritti territoriali o della posizione sociale.

In media, il processo di guarigione dura tra due settimane e sei mesi. Durante questo periodo, un gatto in lutto avrà bisogno di rassicurazione e attenzione. Questo non significa forzare l’attenzione su un gatto estraneo, ma significa piccole cose come offrire del cibo, erba gatta o nuovi giocattoli per stimolare il gatto  o per ridurre l’eccessivo attaccamento del gatto verso l’umano o un altro gatto presente. Se il gatto è gravemente colpito o non mostra segni di superare il suo dolore, il veterinario dovrà prescrivere farmaci anti-ansia. Potresti anche prendere in considerazione i rimedi complementari e naturali rivolgendoti ad un esperto.

Se il gatto è da solo, alcuni proprietari si chiedono se debbano accogliere un nuovo compagno per prevenire la solitudine. Innanzitutto questo non funziona per tutti. Il nuovo gatto sarà visto come un intruso e un invasore territoriale.

Permettere agli animali rimasti di elaborare autonomamente il loro nuovo ordine sociale. Anche se il cibo e l’attenzione extra aiuteranno un gatto depresso, cerca di non lasciare che il gatto diventi più  più attaccato (questo può portare a un’ansia da separazione quando esci di casa per qualsiasi motivo). I gatti sono creature di routine, quindi cerca di non cambiare troppo la routine in quanto ciò causerà ulteriore stress. Se il compagno assente era un cane (che aveva bisogno di passeggiate) o una persona, un cambiamento nella routine sarà inevitabile. Se possibile, cerca di stabilire e attenersi a una nuova routine, non troppo dissimile da quella precedente, il prima possibile. Ciò consentirà a un gatto in lutto di affrontare un fattore di stress alla volta.

Quali sono i cambiamenti comportamentali?

Quando la struttura della famiglia viene sconvolta dalla morte di una persona o di un altro animale, la vita cambia per gli animali rimasti. Nei gatti, il cui olfatto è migliore del nostro, ciò include l’assenza di particolari profumi. Come animali altamente territoriali, anche lo status di chi possiede un tale luogo di riposo o un diritto di passaggio, è cambiato; se ci sono diversi gatti nella famiglia, alcuni dei disagi (e conflitti occasionali) saranno dovuti alla divisione di questi diritti territoriali tra i gatti rimasti, un pò che le eredità famigliari umane…

Se i gatti erano socievoli, i gatti rimasti possono cercare, miagolare o persino piangere. Altre modifiche includono cambiamenti del comportamento di sonno, perdita di interesse nelle attività preferite, isolamento o ansia da separazione, depressione e alterazioni del comportamento alimentare. Poiché gli ormoni dello stress sono secreti, ci possono essere effetti fisici come disturbi dello stomaco, perdita di peli (spesso attraverso una cura eccessiva poiché il grooming è un’attività rassicurante) e un minzione fuori dalla cassettina.

I gatti rimasti avranno bisogno di attenzioni individuali e rassicurazioni. Se erano asociali o indifferenti l’uno all’altro, i gatti rimasti possono semplicemente riorganizzarsi in una nuova gerarchia, dividendo tra loro il territorio degli ex compagni.

Alcuni proprietari notano che i loro gatti assumono addirittura modelli comportamentali del gatto scomparso. Non c’è nulla di soprannaturale in questo – certi privilegi e luoghi una volta accordati al gatto scomparso sono ora in gioco. Questi potrebbero essere:  il punto principale sul letto o il permesso di mangiare in un determinato luogo. Con ogni probabilità, il gatto deceduto ha difeso questi diritti durante la sua vita (forse semplicemente fissando i suoi compagni) e i gatti ora vedono questi comportamenti come parte della gerarchia.

Cosa possiamo fare?

La vita diventa improvvisamente molto diversa per il gatto che subisce il lutto. I gatti che soffrono per la mancanza degli altri gatti richiederanno maggiore attenzione, compassione e rassicurazione durante questo periodo.
Se il gatto in lutto aveva accesso all’aria aperta, questo dovrebbe essere limitato, in quanto il gatto può vagare in territori sconosciuti e entrare in situazioni pericolose mentre cerca il compagno smarrito. Il tempo guarisce tutte le ferite e se il gatto mostra altri segni di depressione (scarso appetito, cambiamento nel modo di dormire, eccessiva vocalizzazione, overgrooming, ricerca), questi si dissipano spesso dopo alcune settimane, anche se questo processo può richiedere fino a sei mesi.

Arricchire l’ambiente, offrendo nuovi giocattoli, premi in cibo, ecc. è utile e consigliato. In una famiglia con molti gatti, i gatti alla fine risolveranno da soli il nuovo ordine sociale. Se prendere subito un gatto sostitutivo è un’ idea discutibile. Un gatto in preda al dolore potrebbe non essere in grado di gestire lo stress aggiuntivo di un nuovo intruso felino.
Come per gli umani, i gatti hanno bisogno di tempo per elaborare la perdita.
Molto spesso se viene dato loro il tempo di “piangere”, ritorneranno ad alcuni dei loro vecchi rituali oppure svilupperanno nuovi rituali.

Se il defunto è morto a casa, allora è una scelta personale se lasciare che il gatto veda il defunto.

E tu come ti senti?

Anche se può sembrare una domanda strana, come stai rispondendo alla perdita? I gatti sono sensibili ai cambiamenti nelle emozioni umane, nel comportamento e nella routine. Se sei turbato, il tuo gatto risponderà a questo e potrebbe diventare ansioso, depresso, agitato o addirittura ammalarsi fisicamente. .

Quando c’è una morte umana nella famiglia, ci saranno probabilmente degli sconvolgimenti e le esigenze degli animali domestici sono in basso nella lista delle priorità. Cerca di trovare il tempo per il tuo animale domestico, preferibilmente un orario regolare ogni giorno.