Comportamento, psicologia, etologia, relazione e benessere del gatto

LA STERILIZZAZIONE CAMBIA IL CARATTERE DEL GATTO?

Oltre a prevenire le cucciolate non pianificate e la diminuzione delle probabilità di malattie legate al comportamento sessuale, una delle ragioni per cui le persone sterilizzano i loro gatti è di ridurre o interrompere comportamenti indesiderati, come:

  • Vocalizzi per la ricerca di un gatto maschio con cui accoppiarsi
  • Irritabilità data dalle fluttuazioni ormonali
  • Aggressione dovuta alla competizione tra maschi
  • Minzione frequente e inappropriata per attirare i maschi e l’attenzione indesiderata dei maschi non castrati che si presentano
  • Marcature urinarie

Cosa aspettarsi immediatamente dopo la sterilizzazione

Il gatto indubbiamente potrebbe essere meno attivo subito dopo essere stato sterilizzato, ma quel cambiamento di comportamento è solitamente correlato alla chirurgia stessa. Potrebbe essere più sensibile, avere un po’ meno appetito per un giorno o due, ma in due o tre giorni, il gatto dovrebbe riprendersi e tornare alla normalità.

Sicuramente quindi dobbiamo aspettarci di vedere un gatto ancora intontito e forse un pò disorientato a causa dell’anestesia. 

Alcuni gatti mostrano più aggressività e si sentono vulnerabili, quindi si consiglia subito dopo l’intervento di fornire al gatto:

  • un luogo tranquillo e caldo in cui riprendersi, possibilmente in penombra.
  • garantire un facile accesso ad una lettiera

Cosa tenere d’occhio

Tenere d’occhio l’incisione e verificare la presenza di arrossamenti, gonfiori e infiltrazioni di liquidi, che possono segnalare un’infezione e garantire un ricontrollo con il veterinario.

Se il gatto ha scarso appetito per più di due giorni dopo essere stato sterilizzato, va contattato il veterinario. Se il gatto ha leccato eccessivamente l’ incisione, la possibilità di sviluppare un’infezione è alta. Contatta il veterinario anche se pensi che il gatto sia ancora intontito o letargico il giorno successivo all’intervento chirurgico. 

Quando si manifesta il primo calore?

Quando i gatti entrano nella pubertà e diventano sessualmente maturi, le femmine andranno in calore (circa a 6 mesi di età)  e i maschi cominceranno a spruzzare urina (circa a 8-9 mesi di età, ma nel contesto domestico a volte anche prima).

Le femmine possono andare in calore in qualsiasi momento dell’anno, ma di solito accade durante la primavera e l’estate perché è correlato al clima (più caldo) e alla luce (giornate più lunghe). Può avere molti cicli di calore durante l’anno e il calore può durare fino a due settimane alla volta.

Questo incide molto sul corpo della gatta – la gatta a causa dell’attività ormonale a volte non mangia o non dorme come fa normalmente. Immagina che questo succeda molte volte all’anno, risulta stancante per lei e per certo non salutare, così come l’energia spesa durante la gravidanza e per tutto lo svezzamento dei cuccioli..

Oltretutto alcuni studi hanno dimostrato che le gatte che non sono sterilizzate hanno un rischio più elevato di sviluppare tumori.

La maturità sessuale nei maschi avviene con l’inizio del comportamento di  marcatura.

Sterilizzare un gatto maschio è un’operazione molto semplice. La maggior parte dei gatti maschi può andare dal veterinario al mattino e tornare a casa in tempo per la cena!

La procedura prevede un’anestesia generale e un’incisione viene eseguita su ciascun lato del sacco scrotale in modo che ogni testicolo possa essere asportato o completamente rimosso. Nei maschi entrambi i testicoli discendono prima della nascita dall’interno della cavità addominale attraverso il canale inguinale nel sacco scrotale. In alcuni gatti uno o entrambi i testicoli non scendono completamente nel sacco e possono rimanere nell’addome o possono essere trattenuti ovunque lungo il percorso del canale inguinale fino al sacco scrotale.

Per questi gatti  sarà necessario un intervento chirurgico più esteso per localizzare i testicoli e rimuoverli. Se questi testicoli trattenuti non vengono rimossi, continueranno a produrre ormoni e il gatto mostrerà comportamenti tipici dei gatti maschi intatti. Le vasectomie non vengono eseguite nei gatti perché questa procedura sterilizza solo il gatto, ma non interrompe la produzione di ormoni maschili.

Cosa cambierà?

I cambiamenti ormonali non avvengono da un giorno all’altro. Sono graduali; il gatto non si sveglierà dall’anestesia come un gatto diverso.

La personalità generale cambierà? Il gatto sarà meno affettuoso? Diventerà grasso e pigro?

La sterilizzazione elimina i cicli di calore e i gatti possono essere estremamente affettuosi e vocali durante un ciclo di calore. Di conseguenza, il gatto potrebbe sembrare un pò più calmo dopo essere stato sterilizzato semplicemente perché non avrà più questi cicli. Di conseguenza si muoverà di meno e tenderà ad ingrassare, se non seguito con una dieta corretta, e se non sarà stimolato a fare attività.

Lo stile di vita diventerà più sedentario e un accesso illimitato al cibo, probabilmente aumenterà di peso.

Mantenere un peso corporeo sano è vitale per il benessere a lungo termine del gatto, quindi si consiglia di dare al gatto una dieta bilanciata di alta qualità e di mantenerlo attivo giocando con lui, utilizzando alimentatori in puzzle e fornendo un arricchimento ambientale e un ambiente stimolante con la possibilità di grattare, scalare e giocare.

Gli unici comportamenti influenzati dalla castrazione sono quelli sotto l’influenza di ormoni maschili (sono chiamati comportamenti sessualmente dimorfici). Il temperamento, l’attività e la personalità di un gatto sono il risultato della genetica e dell’educazione e generalmente non sono influenzati dalla presenza o dall’assenza di ormoni maschili. È improbabile che la castrazione calmi un gatto iperattivo o diminuisca l’aggressività nei confronti delle persone. Poiché il cervello maschile è mascolinizzato nel momento in cui nasce il gattino, la castrazione ridurrà alcuni, ma non tutti i comportamenti sessualmente dimorfici di sesso maschile. Se eseguita prima della maturità sessuale, la castrazione contribuirà a prevenire lo sviluppo di caratteristiche sessuali secondarie come il barbo del pene, le grandi mascelle e le ghiandole nella parte dorsale della coda del gatto.

Questo significa che i cambiamenti più importanti riguarderanno:

  • il girovagare in cerca di una femmina. I maschi intatti hanno territori molto più grandi e vagano su distanze maggiori rispetto alle femmine e ai maschi castrati. La voglia di vagare può essere particolarmente forte durante la stagione degli amori. La castrazione riduce il vagabondaggio in circa il 90% dei casi.
  • la marcatura urinaria. La sterilizzazione riduce o elimina la marcatura urinaria in circa l’85% dei gatti maschi. L’odore di urina maschile è particolarmente forte e pungente per la presenza di felinina.  La formazione di ascessi a seguito di combattimenti è molto meno frequente.
  • la competizione tra maschi per la femmina. I gatti, castrati o intatti, possono litigare, ma la maggior parte delle aggressioni si ritrova tra maschi intatti. Questo è un risultato diretto della competizione tra gatti maschi e perché   i gatti maschi intatti vagano e proteggono un territorio molto più vasto. Se questi combattimenti portano a  ferite, si formano degli ascessi. La sterilizzazione riduce lo sviluppo di combattimenti e ascessi nei gatti maschi.

 

Share this post
  , , , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *