LA STERILIZZAZIONE CAMBIA IL CARATTERE DEL GATTO?

Oltre a prevenire le cucciolate non pianificate e la diminuzione delle probabilità di malattie legate al comportamento sessuale, una delle ragioni per cui le persone sterilizzano i loro gatti è di ridurre o interrompere comportamenti indesiderati, come:

  • Vocalizzi per la ricerca di un gatto maschio con cui accoppiarsi
  • Irritabilità data dalle fluttuazioni ormonali
  • Aggressione dovuta alla competizione tra maschi
  • Minzione frequente e inappropriata per attirare i maschi e l’attenzione indesiderata dei maschi non castrati che si presentano
  • Marcature urinarie

Cosa aspettarsi immediatamente dopo la sterilizzazione

Il gatto indubbiamente potrebbe essere meno attivo subito dopo essere stato sterilizzato, ma quel cambiamento di comportamento è solitamente correlato alla chirurgia stessa. Potrebbe essere più sensibile, avere un po’ meno appetito per un giorno o due, ma in due o tre giorni, il gatto dovrebbe riprendersi e tornare alla normalità.

Sicuramente quindi dobbiamo aspettarci di vedere un gatto ancora intontito e forse un pò disorientato a causa dell’anestesia. 

Alcuni gatti mostrano più aggressività e si sentono vulnerabili, quindi si consiglia subito dopo l’intervento di fornire al gatto:

  • un luogo tranquillo e caldo in cui riprendersi, possibilmente in penombra.
  • garantire un facile accesso ad una lettiera

Cosa tenere d’occhio

Tenere d’occhio l’incisione e verificare la presenza di arrossamenti, gonfiori e infiltrazioni di liquidi, che possono segnalare un’infezione e garantire un ricontrollo con il veterinario.

Se il gatto ha scarso appetito per più di due giorni dopo essere stato sterilizzato, va contattato il veterinario. Se il gatto ha leccato eccessivamente l’ incisione, la possibilità di sviluppare un’infezione è alta. Contatta il veterinario anche se pensi che il gatto sia ancora intontito o letargico il giorno successivo all’intervento chirurgico. 

Quando si manifesta il primo calore?

Quando i gatti entrano nella pubertà e diventano sessualmente maturi, le femmine andranno in calore (circa a 6 mesi di età)  e i maschi cominceranno a spruzzare urina (circa a 8-9 mesi di età, ma nel contesto domestico a volte anche prima).

Le femmine possono andare in calore in qualsiasi momento dell’anno, ma di solito accade durante la primavera e l’estate perché è correlato al clima (più caldo) e alla luce (giornate più lunghe). Può avere molti cicli di calore durante l’anno e il calore può durare fino a due settimane alla volta.

Questo incide molto sul corpo della gatta – la gatta a causa dell’attività ormonale a volte non mangia o non dorme come fa normalmente. Immagina che questo succeda molte volte all’anno, risulta stancante per lei e per certo non salutare, così come l’energia spesa durante la gravidanza e per tutto lo svezzamento dei cuccioli..

Oltretutto alcuni studi hanno dimostrato che le gatte che non sono sterilizzate hanno un rischio più elevato di sviluppare tumori.

La maturità sessuale nei maschi avviene con l’inizio del comportamento di  marcatura.

Sterilizzare un gatto maschio è un’operazione molto semplice. La maggior parte dei gatti maschi può andare dal veterinario al mattino e tornare a casa in tempo per la cena!

La procedura prevede un’anestesia generale e un’incisione viene eseguita su ciascun lato del sacco scrotale in modo che ogni testicolo possa essere asportato o completamente rimosso. Nei maschi entrambi i testicoli discendono prima della nascita dall’interno della cavità addominale attraverso il canale inguinale nel sacco scrotale. In alcuni gatti uno o entrambi i testicoli non scendono completamente nel sacco e possono rimanere nell’addome o possono essere trattenuti ovunque lungo il percorso del canale inguinale fino al sacco scrotale.

Per questi gatti  sarà necessario un intervento chirurgico più esteso per localizzare i testicoli e rimuoverli. Se questi testicoli trattenuti non vengono rimossi, continueranno a produrre ormoni e il gatto mostrerà comportamenti tipici dei gatti maschi intatti. Le vasectomie non vengono eseguite nei gatti perché questa procedura sterilizza solo il gatto, ma non interrompe la produzione di ormoni maschili.

Cosa cambierà?

I cambiamenti ormonali non avvengono da un giorno all’altro. Sono graduali; il gatto non si sveglierà dall’anestesia come un gatto diverso.

La personalità generale cambierà? Il gatto sarà meno affettuoso? Diventerà grasso e pigro?

La sterilizzazione elimina i cicli di calore e i gatti possono essere estremamente affettuosi e vocali durante un ciclo di calore. Di conseguenza, il gatto potrebbe sembrare un pò più calmo dopo essere stato sterilizzato semplicemente perché non avrà più questi cicli. Di conseguenza si muoverà di meno e tenderà ad ingrassare, se non seguito con una dieta corretta, e se non sarà stimolato a fare attività.

Lo stile di vita diventerà più sedentario e un accesso illimitato al cibo, probabilmente aumenterà di peso.

Mantenere un peso corporeo sano è vitale per il benessere a lungo termine del gatto, quindi si consiglia di dare al gatto una dieta bilanciata di alta qualità e di mantenerlo attivo giocando con lui, utilizzando alimentatori in puzzle e fornendo un arricchimento ambientale e un ambiente stimolante con la possibilità di grattare, scalare e giocare.

Gli unici comportamenti influenzati dalla castrazione sono quelli sotto l’influenza di ormoni maschili (sono chiamati comportamenti sessualmente dimorfici). Il temperamento, l’attività e la personalità di un gatto sono il risultato della genetica e dell’educazione e generalmente non sono influenzati dalla presenza o dall’assenza di ormoni maschili. È improbabile che la castrazione calmi un gatto iperattivo o diminuisca l’aggressività nei confronti delle persone. Poiché il cervello maschile è mascolinizzato nel momento in cui nasce il gattino, la castrazione ridurrà alcuni, ma non tutti i comportamenti sessualmente dimorfici di sesso maschile. Se eseguita prima della maturità sessuale, la castrazione contribuirà a prevenire lo sviluppo di caratteristiche sessuali secondarie come il barbo del pene, le grandi mascelle e le ghiandole nella parte dorsale della coda del gatto.

Questo significa che i cambiamenti più importanti riguarderanno:

  • il girovagare in cerca di una femmina. I maschi intatti hanno territori molto più grandi e vagano su distanze maggiori rispetto alle femmine e ai maschi castrati. La voglia di vagare può essere particolarmente forte durante la stagione degli amori. La castrazione riduce il vagabondaggio in circa il 90% dei casi.
  • la marcatura urinaria. La sterilizzazione riduce o elimina la marcatura urinaria in circa l’85% dei gatti maschi. L’odore di urina maschile è particolarmente forte e pungente per la presenza di felinina.  La formazione di ascessi a seguito di combattimenti è molto meno frequente.
  • la competizione tra maschi per la femmina. I gatti, castrati o intatti, possono litigare, ma la maggior parte delle aggressioni si ritrova tra maschi intatti. Questo è un risultato diretto della competizione tra gatti maschi e perché   i gatti maschi intatti vagano e proteggono un territorio molto più vasto. Se questi combattimenti portano a  ferite, si formano degli ascessi. La sterilizzazione riduce lo sviluppo di combattimenti e ascessi nei gatti maschi.

 

Perchè il gatto soffia?

Il tuo gatto è seduto in pace per i fatti suoi, quando all’improvviso il cane lo raggiunge, il gatto balza in piedi e le sue orecchie sono girate all’indietro, la sua bocca è spalancata e la sua lingua è arricciata a forma di U … e poi senti l’inconfondibile suono del soffio!

Cosa sta succedendo nel cervello di un gatto quando soffia?

Sta provando un misto di paura, confusione, infelicità e sorpresa. L’adrenalina del gatto sta fluendo perché è spaventato e si sta comportando di istinto. Il soffio è un suono che spesso ci fa sorridere, ma in realtà il gatto sta comunicando un suo stato d’animo e in quel momento è molto importante che facciamo attenzione a che cosa ci sta dicendo. Se il tuo gatto sta soffiando, sente che c’è una minaccia immediata.

Come viene prodotto il soffio?

Il soffio viene creato quando l’ aria viene spinta attraverso la lingua arcuata. Se sei abbastanza vicino al gatto quando soffia, puoi effettivamente sentire l’aria che viene espulsa dalla sua bocca. Non ti consigliamo di provare però! E’ molto pericoloso avvicinarsi con il viso al gatto mentre ha paura o è minaccioso. La posizione delle orecchie sarà appiattita contro la testa e la postura corporea che accompagna il soffio comprende anche la schiena arcuata con piloerezione.
In realtà, si ritiene che il soffio felino sia una forma di mimetismo protettivo: un animale imita una creatura più pericolosa per proteggersi se si sente minacciata…il serpente.

Quando un gatto esterna il suo “serpente interiore”, appiattisce le sue orecchie in modo che la sua testa assomigli alla stretta testa di un serpente. Allo stesso tempo, espone i suoi denti simili a zanne – aggiungendo qualche sputo – mentre fa oscillare la coda in modo serpentino!

Perché i gatti soffiano?

In parole povere, soffiare è un avvertimento. Dal momento che i gatti non vogliono impegnarsi in scontri fisici, si affidano a posture corporee, segni e vocalizzazioni per scoraggiare gli avversari. Un gatto che soffia sta dando un avvertimento verbale al suo avversario. Soffiare, infatti, è una vocalizzazione difensiva che significa che il gatto sta reagendo a qualcosa nel suo ambiente circostante che lo sta spaventando o facendo sentire in pericolo. La minaccia potrebbe essere qualsiasi cosa: un altro gatto che si avvicina, il veterinario o un altro umano, un altro animale ecc… Una mamma gatta può soffiare se altri gatti o addirittura un essere umano si avvicinano troppo alla sua cucciolata; un gatto può soffiare quando un ospite sconosciuto viene in casa.

E se il tuo gatto soffia quando lo accarezzi? Può essere perché si sta sovrastimolando. Smetti di coccolarlo e lascia che il gatto se ne vada, se vuole. In futuro, osserva il linguaggio del corpo del tuo gatto mentre lo stai accarezzando e se la sua coda inizia a muoversi nervosamente o se il gatto continua a guardare la tua mano, è ora di smettere!
Esiste anche quella che viene chiamata “aggressione predatoria”. I gatti possono vedere altri animali domestici – uccelli, criceti, porcellini d’India ecc…- come prede e agitarsi quando sono vicini a loro.


Il soffio, insomma, è un avvertimento che avvisa che, se non ci si ritira, la prossima mossa sarà un comportamento aggressivo. Un gatto che soffia è certamente pauroso in quel momento, ma pronto a impegnarsi in una battaglia se dovesse essere necessario.

Che fare?

Un gatto che soffia sta chiaramente dando un avvertimento quindi non bisogna ignorarlo. Quello che seguirà il soffio, se il gatto non ha una via di fuga, sarà quasi certamente un graffio o un morso. Dai al gatto il tempo di calmarsi e forniscigli una via di fuga, a meno che tu non debba interagire per forza per qualche serio motivo, come durante una visita veterinaria ad esempio.
Lascia che si abitui al tuo odore prima di toccarlo, se è necessaria l’interazione. Quindi allunga lentamente la mano e fatti annusare. Non muoverti velocemente o di scatto e non agitarti.
Non sgridarlo e soprattutto non soffiare a tua volta!
Cerca di capire cosa scatena questa reazione e utilizza una modifica del comportamento positiva e appropriata per aiutare il gatto a sentirsi a proprio agio, ad esempio se riconosci che questo comportamento avviene quando vengono a trovarti gli amici, prima che il gatto si senta a disagio con loro, premialo con qualche ricompensa in cibo, mentre se ne sta tranquillo in loro presenza.

È molto importante quindi stabilire la causa che scatena paura nel gatto. Ad esempio, se stai introducendo un nuovo gatto, assicurati di fare un’introduzione graduale per ridurre lo stress e le minacce territoriali.

Se il tuo gatto soffia ogni volta che cerchi di manipolarlo, assicurati che non provi un dolore fisico. Se non c’è alcun motivo medico per il soffio, allora è il momento di lavorare sulla costruzione della fiducia con il gatto, gradualmente, facendolo sentire più a suo agio con la tua presenza.

Stress nel gatto

Il gatto domestico è un animale molto abitudinario e come tale è rimasto legato alle sue consuetudini nei millenni. Ci sono, infatti, dei bisogni che Micio deve poter soddisfare e degli istinti che deve poter mantenere anche in ambiente domestico come ad esempio cacciare, marcare il territorio e proteggerlo, giocare, leccarsi, riprodursi e dormire.

Se questi bisogni/istinti non vengono rispettati, il gatto cerca di adattarsi all’ambiente che lo circonda come può, ma non sempre ci riesce e a quel punto può manifestare uno stato di disagio e di malessere, che può esprimersi in molti modi diversi.

Lo stress è un meccanismo di difesa che non solo è presente negli esseri umani, bensì anche negli animali, e si tratta di una risposta adattativa all’ambiente che permette la sopravvivenza di fronte a situazioni di pericolo. Lo stress è, quindi, una normale reazione del corpo che se troppo intenso o perdura troppo a lungo, può generare malessere e disagio per non parlare di veri e propri disturbi comportamentali, neurosi e depressioni.

Cause di stress

In generale possiamo parlare di stress ogni volta che il nostro gatto modifica le sue abitudini.

Tutto ciò che interrompe la sua routine, lo rende ansioso.

Le cause di stress possono quindi essere riconducibili a:

• rumori forti (anche dei lavori in corso in strada, temporali ecc…)

• subentro o perdita di un animale o umano nel nucleo famigliare

• cambio di casa o del mobilio (modifiche ambientali)

• cambio di lettiera (posizione o substrato)

• sovraffollamento

• mancanza di arricchimento ambientale e quindi noia

• carenza di interazione con l’umano e solitudine

Lo stress nei gatti che vivono in casa è spesso dovuto a conflitti di natura territoriale o di convivenza.

I sintomi si stress

Minzione inappropriata

Per minzione inappropriata si intende l’emissione di urine in luogo inappropriato e, quindi, al di fuori della cassetta igienica. Il normale comportamento di minzione del gatto prevede una sequenza comportamentale particolare. Il comportamento di minzione inappropriata consiste nell’emissione di una grande quantità di urina su un substrato orizzontale, preferibilmente assorbente (vestiti, divano ecc…), ma al di fuori della cassetta igienica e con una sequenza che può essere corretta oppure alterata.

Marcatura urinaria

Si definisce invece marcatura urinaria l’eliminazione di urina, al fine di lasciare un messaggio di tipo olfattivo e visivo, rivolto ai cospecifici o a soggetti appartenenti ad altre specie. Il comportamento di marcatura urinaria è un comportamento normale nella comunicazione del gatto, sia maschio che femmina. Diventa un sintomo di stress territoriale nel momento in cui viene esibito anche da gatti sterilizzati o comunque in modo eccessivo.

Obesità

Il gatto tende a mangiare poco e molto spesso, poiché ha uno stomaco molto piccolo e poco estendibile. In natura non troviamo gatti con questo problema. Mangiare in modo compulsivo, esagerato, escludendo innanzitutto problemi fisici, può essere legato a fattori di stress, più precisamente alla noia.

Grooming eccessivo o ridotto

Tra i molteplici motivi del grooming (leccamento) c’è anche quella di avere un effetto calmante e una funzione sociale fondamentale che ogni gatto apprende alla nascita. La mamma, infatti, comincia a leccare i suoi cuccioli nel momento in cui nascono, per eliminare la placenta e per infondere loro calma e sicurezza in un momento traumatico come quello del parto. Il grooming eccessivo (leccamento eccessivo) è un disturbo compulsivo. Tutti i gatti leccano la loro pelliccia, ma un gatto che lo fa eccessivamente arrivando a mordersi o strappare il pelo sta lanciando un segnale preoccupante perchè sta cercando disperatamente di ritrovare la calma. E’ vero anche al contrario, ovvero la trascuratezza della pulizia che spesso può essere associata allo stress e alla depressione.

Aggressività

Se Micio è passato da essere un animale docile e mansueto a presentare comportamenti aggressivi, potrebbe star soffrendo una condizione di stress. L’aggressività è stata definita da Konrad Lorenz come il risultato di un accumulo di energia che, anche senza stimoli esterni, può dar luogo ad atteggiamenti aggressivi. Nel gatto episodi di aggressività sono molto comuni e si manifestano all’improvviso. Alla base di questo problema possono esserci paura, irritazione, minaccia, difesa territoriale, restrizione in un luogo chiuso o poco stimolante.

Perdita dell’Appetito

La perdita dell’appetito è un segnale frequente di depressione, negli animali quanto negli uomini. Micio potrebbe perdere interesse nei confronti del cibo, mangiare meno di quanto non fosse solito fare e non toccare più le ciotole. Queste variazioni nell’appetito possono provocare una perdita di peso e spesso, escluse malattie, possono essere segnale di stress.

Pages:12»