LA STERILIZZAZIONE CAMBIA IL CARATTERE DEL GATTO?

Oltre a prevenire le cucciolate non pianificate e la diminuzione delle probabilità di malattie legate al comportamento sessuale, una delle ragioni per cui le persone sterilizzano i loro gatti è di ridurre o interrompere comportamenti indesiderati, come:

  • Vocalizzi per la ricerca di un gatto maschio con cui accoppiarsi
  • Irritabilità data dalle fluttuazioni ormonali
  • Aggressione dovuta alla competizione tra maschi
  • Minzione frequente e inappropriata per attirare i maschi e l’attenzione indesiderata dei maschi non castrati che si presentano
  • Marcature urinarie

Cosa aspettarsi immediatamente dopo la sterilizzazione

Il gatto indubbiamente potrebbe essere meno attivo subito dopo essere stato sterilizzato, ma quel cambiamento di comportamento è solitamente correlato alla chirurgia stessa. Potrebbe essere più sensibile, avere un po’ meno appetito per un giorno o due, ma in due o tre giorni, il gatto dovrebbe riprendersi e tornare alla normalità.

Sicuramente quindi dobbiamo aspettarci di vedere un gatto ancora intontito e forse un pò disorientato a causa dell’anestesia. 

Alcuni gatti mostrano più aggressività e si sentono vulnerabili, quindi si consiglia subito dopo l’intervento di fornire al gatto:

  • un luogo tranquillo e caldo in cui riprendersi, possibilmente in penombra.
  • garantire un facile accesso ad una lettiera

Cosa tenere d’occhio

Tenere d’occhio l’incisione e verificare la presenza di arrossamenti, gonfiori e infiltrazioni di liquidi, che possono segnalare un’infezione e garantire un ricontrollo con il veterinario.

Se il gatto ha scarso appetito per più di due giorni dopo essere stato sterilizzato, va contattato il veterinario. Se il gatto ha leccato eccessivamente l’ incisione, la possibilità di sviluppare un’infezione è alta. Contatta il veterinario anche se pensi che il gatto sia ancora intontito o letargico il giorno successivo all’intervento chirurgico. 

Quando si manifesta il primo calore?

Quando i gatti entrano nella pubertà e diventano sessualmente maturi, le femmine andranno in calore (circa a 6 mesi di età)  e i maschi cominceranno a spruzzare urina (circa a 8-9 mesi di età, ma nel contesto domestico a volte anche prima).

Le femmine possono andare in calore in qualsiasi momento dell’anno, ma di solito accade durante la primavera e l’estate perché è correlato al clima (più caldo) e alla luce (giornate più lunghe). Può avere molti cicli di calore durante l’anno e il calore può durare fino a due settimane alla volta.

Questo incide molto sul corpo della gatta – la gatta a causa dell’attività ormonale a volte non mangia o non dorme come fa normalmente. Immagina che questo succeda molte volte all’anno, risulta stancante per lei e per certo non salutare, così come l’energia spesa durante la gravidanza e per tutto lo svezzamento dei cuccioli..

Oltretutto alcuni studi hanno dimostrato che le gatte che non sono sterilizzate hanno un rischio più elevato di sviluppare tumori.

La maturità sessuale nei maschi avviene con l’inizio del comportamento di  marcatura.

Sterilizzare un gatto maschio è un’operazione molto semplice. La maggior parte dei gatti maschi può andare dal veterinario al mattino e tornare a casa in tempo per la cena!

La procedura prevede un’anestesia generale e un’incisione viene eseguita su ciascun lato del sacco scrotale in modo che ogni testicolo possa essere asportato o completamente rimosso. Nei maschi entrambi i testicoli discendono prima della nascita dall’interno della cavità addominale attraverso il canale inguinale nel sacco scrotale. In alcuni gatti uno o entrambi i testicoli non scendono completamente nel sacco e possono rimanere nell’addome o possono essere trattenuti ovunque lungo il percorso del canale inguinale fino al sacco scrotale.

Per questi gatti  sarà necessario un intervento chirurgico più esteso per localizzare i testicoli e rimuoverli. Se questi testicoli trattenuti non vengono rimossi, continueranno a produrre ormoni e il gatto mostrerà comportamenti tipici dei gatti maschi intatti. Le vasectomie non vengono eseguite nei gatti perché questa procedura sterilizza solo il gatto, ma non interrompe la produzione di ormoni maschili.

Cosa cambierà?

I cambiamenti ormonali non avvengono da un giorno all’altro. Sono graduali; il gatto non si sveglierà dall’anestesia come un gatto diverso.

La personalità generale cambierà? Il gatto sarà meno affettuoso? Diventerà grasso e pigro?

La sterilizzazione elimina i cicli di calore e i gatti possono essere estremamente affettuosi e vocali durante un ciclo di calore. Di conseguenza, il gatto potrebbe sembrare un pò più calmo dopo essere stato sterilizzato semplicemente perché non avrà più questi cicli. Di conseguenza si muoverà di meno e tenderà ad ingrassare, se non seguito con una dieta corretta, e se non sarà stimolato a fare attività.

Lo stile di vita diventerà più sedentario e un accesso illimitato al cibo, probabilmente aumenterà di peso.

Mantenere un peso corporeo sano è vitale per il benessere a lungo termine del gatto, quindi si consiglia di dare al gatto una dieta bilanciata di alta qualità e di mantenerlo attivo giocando con lui, utilizzando alimentatori in puzzle e fornendo un arricchimento ambientale e un ambiente stimolante con la possibilità di grattare, scalare e giocare.

Gli unici comportamenti influenzati dalla castrazione sono quelli sotto l’influenza di ormoni maschili (sono chiamati comportamenti sessualmente dimorfici). Il temperamento, l’attività e la personalità di un gatto sono il risultato della genetica e dell’educazione e generalmente non sono influenzati dalla presenza o dall’assenza di ormoni maschili. È improbabile che la castrazione calmi un gatto iperattivo o diminuisca l’aggressività nei confronti delle persone. Poiché il cervello maschile è mascolinizzato nel momento in cui nasce il gattino, la castrazione ridurrà alcuni, ma non tutti i comportamenti sessualmente dimorfici di sesso maschile. Se eseguita prima della maturità sessuale, la castrazione contribuirà a prevenire lo sviluppo di caratteristiche sessuali secondarie come il barbo del pene, le grandi mascelle e le ghiandole nella parte dorsale della coda del gatto.

Questo significa che i cambiamenti più importanti riguarderanno:

  • il girovagare in cerca di una femmina. I maschi intatti hanno territori molto più grandi e vagano su distanze maggiori rispetto alle femmine e ai maschi castrati. La voglia di vagare può essere particolarmente forte durante la stagione degli amori. La castrazione riduce il vagabondaggio in circa il 90% dei casi.
  • la marcatura urinaria. La sterilizzazione riduce o elimina la marcatura urinaria in circa l’85% dei gatti maschi. L’odore di urina maschile è particolarmente forte e pungente per la presenza di felinina.  La formazione di ascessi a seguito di combattimenti è molto meno frequente.
  • la competizione tra maschi per la femmina. I gatti, castrati o intatti, possono litigare, ma la maggior parte delle aggressioni si ritrova tra maschi intatti. Questo è un risultato diretto della competizione tra gatti maschi e perché   i gatti maschi intatti vagano e proteggono un territorio molto più vasto. Se questi combattimenti portano a  ferite, si formano degli ascessi. La sterilizzazione riduce lo sviluppo di combattimenti e ascessi nei gatti maschi.

 

PROBLEMI CON LA LETTIERA? PARLIAMONE PER RISOLVERE

Un seminario totalmente dedicato all’individuazione e valutazioni del problema n. 1 tra gatto e umano! La pipì fuori dalla cassettina!
Percorreremo insieme un interessante percorso partendo dall’etologia felina riguardante il comportamento eliminatorio del gatto per poi comprenderlo e soprattutto prevenirlo ed eventualmente risolverlo nel nostro contesto domestico.

Data: martedì 11 settembre 2018 ore 20

Luogo: Aula del Centro di Cultura Felina Via Seminario 14/2 Gorizia

Costo: contributo di € 20 che saranno devoluti in beneficenza al Rifugio A-micioso di Gorizia

Relatrice: Dott.ssa Ewa Princi, B.Sc. Animal Behaviour and Ethology, Operatore certificato nella relazione con gli animali (Scuola di Etologia Relazionale®️) con Diploma in Alta Formazione Universitaria, direttrice del Centro di Cultura Felina®, Accreditata FISAP, Formatore Accreditato in Benessere Etologico del Gatto®️, Diplomanda in Scienze Psicobiologiche, Laureanda in Scienze e Tecniche psicologiche, Counselor nella relazione di aiuto. Relatrice in diversi seminari presso le più grandi Fiere italiane in ambito animale, redattrice di articoli sul comportamento felino su Riviste specializzate.
Pagina Fb Ewa Princi @CulturaFelina.it

Prenotazione: obbligatoria al 339 5207515 oppure via mail a info@culturafelina.it

Odori: elementi fondamentali nella vita del gatto

I gatti hanno un incredibile senso dell’olfatto. Possono facilmente identificare l’odore di erba gatta quando la sua concentrazione è di 1 parte per miliardo! I cuccioli nascono sordi e ciechi, ma il loro senso dell’olfatto è già forte e funzionante. Entro un giorno dalla nascita, possono distinguere il loro ambiente da un altro. Inoltre rivendicano il loro capezzolo e succhiano esclusivamente da esso, perché lo riconoscono per il suo odore unico. Un gattino di 3 settimane posto a pochi metri di distanza dalla sua base di casa si perderà se non riesce a sentire l’odore della via di ritorno, anche se può vedere sua madre e i suoi compagni!

L’odore gioca, quindi, un ruolo vitale nel comportamento dei gatti e nella loro percezione del territorio. L’olfatto è dunque vitale per il riconoscimento. Molti di noi assistono a questo fenomeno quando portano uno dei gatti dal veterinario. Al suo ritorno a casa, gli altri gatti ringhiano, soffiano e occasionalmente attaccano il gatto ritornato a casa. Non riconoscono il loro amico che ritorna a casa perché, semplicemente, ha un odore diverso. È come se un gatto nuovo e estraneo fosse entrato nella loro casa!

Non a caso, i gatti che non sono adeguatamente socializzati da cuccioli, possono reagire male ai cambiamenti nel loro ambiente e alle intrusioni di oggetti con odori non familiari, come anche persone o animali. Un nuovo elemento di arredo può essere considerato un’invasione del proprio territorio. Alcuni gatti si nasconderanno per giorni. Gli altri si strofineranno immediatamente contro di esso per sentirne l’odore. Alcuni gatti si sentiranno così minacciati che arriveranno addirittura ad una forma estrema di marcatura – marcatura con le urine.

I gatti hanno 9 ghiandole principali in tutto il corpo che sono responsabili del rilascio di un odore unico e individuale.


L’odore è, infatti, un elemento importante per il tuo gatto. L’odore è un vero e proprio biglietto da visita del gatto e fornisce a Micio molte informazioni su altri gatti nel suo ambiente. Difatti, per il gatto, l’odore è un prezioso strumento di comunicazione.

Ghiandole odorifere

I gatti hanno delle ghiandole odorifere sui cuscinetti delle zampe, sulle guance, sulla loro testa e ci sono anche due piccole ghiandole anali posizionate su ciascun lato sotto caudale che rilasciano un liquido dall’odore molto forte per contrassegnare le feci del gatto. Poi, naturalmente, c’è l’odore tipico dell’urina, soprattutto nel caso di maschi non castrati.
Le ghiandole odorifere rilasciano feromoni. Questi feromoni sono in realtà sostanze chimiche che forniscono incredibili informazioni. In un ambiente esterno, la comunicazione attraverso gli odori è vitale perché rivela informazioni su un gatto a un altro senza il rischio di un confronto fisico, assicurando in questo modo una convivenza pacifica. Per un gatto all’aperto questo è un beneficio di sopravvivenza molto importante. Minore è il numero di attacchi fisici che si verificano, maggiore è la possibilità che Micio sopravvvierà.

Ghiandole Pinna

Ci sono due ghiandole dietro ogni orecchio. Queste ghiandole producono un olio leggero e profumato e sono ciò che fa sì che le orecchie di un gatto rimangano uno dei luoghi più morbidi dell’intero corpo.

Ghiandole temporali

Ci sono due ghiandole, una per ogni tempia, che i gatti usano per strofinare il loro odore sugli oggetti di cui stanno reclamando la proprietà. Usano anche queste ghiandole per mantenere le marcature che indicano la loro posizione in modo che possano facilmente trovare la via di casa. Le aree sulla testa dove il pelo è più fine è dove si trovano le ghiandole e la pelle è spesso leggermente grassa.

Ghiandole della guancia

Ce ne sono due, una su ogni guancia, che i gatti usano nello stesso modo in cui usano le loro ghiandole temporali. Tuttavia, queste ghiandole producono meno oli e ricoprono i baffi per strofinare questa sostanza oleosa contro gli oggetti più facilmente.

Ghiandole periorali

Ci sono due ghiandole in ogni angolo della bocca che producono un odore quando il gatto mastica oggetti. Quando il tuo gatto ti sta dando dei “morsi d’amore”, in realtà sta lasciando un odore preciso su di te. Queste ghiandole sono importanti per l’accoppiamento per i gatti maschi che segnano la parte posteriore del collo di una femmina. Questo è usato per impedire ad altri maschi di accoppiarsi con la stessa femmina che era già stata richiesta.

Ghiandola sottomandibolare

C’è una ghiandola sotto la mascella (vicino al centro del mento) che produce oli leggermente odorosi e funziona allo stesso modo e per lo stesso scopo delle Ghiandole Temporali.
Ghiandole interdigitali
Ci sono quattro ghiandole, una su ogni zampa, che emanano un forte odore per gli altri gatti quando la zampa è tesa e gli artigli sono estesi, ovvero quando il gatto esegue il tipico movimento per “farsi le unghie”. Affilare le unghie è una delle ragioni per cui i gatti graffiano gli oggetti, ma lo fanno anche per diffondere il loro odore.

Ghiandole anali

Ci sono due ghiandole, a sinistra e a destra dell’ano, che aiutano a produrre un odore particolare nelle feci di un gatto. Queste ghiandole hanno sempre un odore e i gatti spesso controllano l’un l’altro l’odore per il riconoscimento.

Ghiandole caudali

Queste ghiandole si trovano in tutta la coda e si diffondono quando un gatto usa la sua coda per comunicare. I gatti spesso portano la coda in alto non solo per mostrare che sono amichevoli, ma anche per diffondere il loro odore nell’aria.

Ghiandole Sopra-caudali

C’è una ghiandola situata alla base della coda che produce olio. Questo olio non è importante solo per la colonia personale del gatto, ma condiziona la pelliccia e la pelle e aiuta la coda a diffondere un odore più potente.

Utilizzo dell’odore

L‘odore è usato per identificare i membri della stessa colonia, definire il territorio, creare familiarità, annunciare la disponibilità sessuale, apprendere di più sui gatti sconosciuti nell’ambiente, auto-calmarsi, legarsi ad un altro gatto o animale o come una forma di aggressione segreta.
Le ghiandole attorno al viso sono identificate nelle interazioni amichevoli o di bassa intensità. Queste sono usate quando un gatto segna oggetti familiari che considera parte del suo territorio o quando deposita l’odore come un segnale di legame. Questo lo vediamo costantemente mentre Micio si sfrega sugli oggetti in casa. Questo è un comportamento confortante per lui e riflette il suo senso di sicurezza e familiarità con l’ambiente.
Le ghiandole presenti nelle sue zampette lo aiutano a marcare il suo territorio e quell’oggetto quando graffia. Oltre a lasciare un segno visivo, lascia anche un segno olfattivo attraverso queste ghiandole. In questo modo si assicura che la sua presenza sia conosciuta dagli altri gatti!

I feromoni associati a feci e urine, sono fenomeni ad alta intensità, ovvero un gatto spruzza in circostanze stressanti o eccitanti.
Una volta che un gatto ha segnato l’urina, l’odore deve essere rimosso immediatamente e completamente. Il gatto maschio può sentire l’odore di una femmina in calore a pochi isolati di distanza. Se ti sposti in una casa in cui un altro gatto ha già lasciato un forte odore, il tuo gatto potrebbe segnare su quelle aree. Alcuni gatti attaccheranno il loro proprietario anche se il proprietario torna a casa con l’odore di un altro gatto sul suo abbigliamento!

I gatti sono territoriali per natura e identificano il loro territorio con l’odore. Più riesci a socializzare il tuo gatto da cucciolo, meno è probabile che questo problema si verifichi in età adulta.

Cerca di far sentire il tuo gatto non minacciato usando odori familiari. Ad esempio, prima di inserire un nuovo mobile, strofinalo con la copertina che utilizza il tuo gatto.

Quando traslochi, puoi contribuire a rendere questo cambio più sereno per il tuo gatto applicando lo stesso principio. Porta con te quel vecchio divano anche se avevi intenzione di scartarlo perché Micio ha bisogno di sentire odori familiari. Una volta che Micio si sente a suo agio e il resto della casa è in ordine, allora fallo uscire. Ma non lasciarlo andare all’aperto finché non si sente a casa in questo nuovo ambiente. Quindi concedigli brevi uscite sorvegliate nel tuo cortile. Non lasciarlo mai incustodito finché non avrà familiarizzato con il suo nuovo territorio all’aperto.

Pages:12»