Comportamento, psicologia, etologia, relazione e benessere del gatto

Come fa il gatto a cadere in piedi?

Tutti conosciamo questo mito che afferma che tutti i gatti cadono in piedi. Normalmente prendiamo questa affermazione come un altra prova dell’agilità e della destrezza di questo animale e non ci fermiamo a pensare a ciò che è vero, ovvero che un gatto, come chiunque altro, potrebbe non uscirne incolume da una caduta che potrebbe essere anche mortale.
Fu nel 1894 che, su richiesta dell’Accademia delle scienze di Parigi, iniziò un serio studio di questo fenomeno, il medico Étienne Jules Marey registrò con una macchina fotografica speciale dotata di una cronofotografia tutte le sequenze della caduta di un gatto, ottenendo l’espressione del successione di movimenti che un gatto fa naturalmente per ridurre l’impatto con il terreno.

Se osserviamo i gatti vediamo che tutto in loro è preparato per l’attività di caccia, agilità, destrezza, senso dell’equilibrio, acutezza visiva durante la notte …. Ma come fanno a cadere sempre a terra in piedi e minimizzare il danno?

Caratteristiche morfologiche del gatto

Tutto nel gatto è adattato per realizzare questa prodezza apparentemente impossibile. Il gatto possiede naturalmente quello che viene chiamato un riflesso di raddrizzamento, che compare verso la 4a settimana di vita e raggiunge l’efficienza dell’adulto a 6 settimane.

D’altra parte la sua anatomia è stata creata per essere in grado di sfruttare appieno qualsiasi dei movimenti che esegue. In primo luogo, lo scheletro del gatto ha 40 ossa più di un uomo lungo la colonna vertebrale e la coda, il che gli conferisce una flessibilità molto maggiore rispetto ad altri mammiferi. A questo dobbiamo aggiungere la grande larghezza dei loro dischi invertebrali. Questi agiscono come cuscini, essendo in grado di allungarsi e contrarsi con facilità e diminuire il danno che possono subire dopo un impatto. Inoltre, il gatto non ha una clavicola, aumentando, in questo modo, la mobilità dei suoi arti anteriori.

La leggerezza del suo scheletro, la sua pelle spessa e i suoi cuscinetti plantari sono anche un aiuto nel ridurre gli infortuni quando tocca terra.

L’apparato vestibolare

L’apparato vestibolare è fondamentale per mantenere l’equilibrio. Riesce a tradurre il movimento e la forza di gravità in impulsi nervosi che il cervello può interpretare e determinare quale sia la posizione della testa nello spazio. I recettori inviano impulsi tramite il nervo vestibolare al sistema nervoso centrale in modo da informare il cervello su come sia posizionata la testa e modificare così di conseguenza la posizione delle altre parti del corpo come occhi, tronco e arti.

Fisica nella caduta del gatto

Il gatto ha per natura un senso di perfetto equilibrio, tuttavia, a volte, questo può fallire… Quando l’animale sente di aver perso il suo equilibrio, il fluido nell’orecchio interno, che regola questo senso nei mammiferi, viene scosso informando bruscamente l’animale della situazione pericolosa in cui si trova. Grazie alle informazioni visive e, soprattutto, a questo liquido interno, il gatto sa in ogni momento, attraverso l’organo vestibolare che invia informazioni al cervello, esattamente in che posizione si trova, cosa che lo fa agire rapidamente.

Prima di tutto, il suo obiettivo sarà rallentare il ritmo della caduta per dare il tempo di riposizionare il tuo corpo e cadere in piedi, allungando le zampe il più possibile e offrendo la massima resistenza possibile all’aria. È allora che inizia la successione di movimenti il ​​cui unico scopo è quello di far atterrare il gatto sulle sue quattro zampe.

Quando cade il gatto allunga le zampe posteriori e restringe la parte anteriore, girando la testa e torcendo la schiena, il che aumenta l’inerzia della zona posteriore e riduce l’area anteriore. In questo modo il corpo del gatto rompe la simmetria con l’asse spaziale, facendo ruotare ciascuna parte del corpo in una direzione. Quindi l’animale ripeterà il movimento, ma nella direzione opposta, cioè allungherà le zampe anteriori e restringerà la schiena, tornando di nuovo a ruotare di qualche grado in più. A poco a poco, ripetendo questi movimenti ancora e ancora il gatto andrà a girare il suo corpo fino a quando non si raggiunge i 180 ° e le sue quattro zampe saranno ciò che entra in primo contatto con il terreno, distruggendo in pochi secondi e con facilità i principi della legge fisica di conservazione del momento angolare. Alla fine il gatto rilassa tutti i suoi muscoli per ridurre ulteriormente l’impatto. Tutto questo sarà fatto con l’eleganza e la discrezione di un felino.

Durante tutto questo tempo il liquido dell’orecchio interno ha inviato informazioni sull’esatta posizione del corpo del gatto. È quindi facile che quando il gatto raggiunge la terra scuotere la testa.

Funziona sempre?

Questo non significa che tutte le cadute non siano importanti nei gatti e siano sempre in grado uscire illesi. Come abbiamo visto, il gatto deve eseguire una serie di manovre in cui investirà un tempo più o meno lungo, quindi l’altezza da cui cade deve essere sufficiente a fornire all’animale il tempo necessario per ruotare il suo corpo. Se la distanza da cui cade è inferiore a un metro e mezzo, il gatto non avrà il tempo reale per girare il corpo e cadrà lateralmente correndo un rischio significativo di lesioni. Se, d’altra parte, l’altezza della caduta è troppo grande, non ci sarà alcun riflesso di raddrizzamento in grado di salvare la vita del nostro amico. Questo è il motivo per cui dobbiamo stare molto attenti con i nostri Mici quando si avvicinano a luoghi pericolosi come finestre, terrazze alte, cornicioni, non dovremmo tentare le sue magiche abilità.

Anche i grandi felini hanno questa capacità?

Non tutti i gatti, cadono sempre in piedi, a volte sbagliano e atterrano male.
Quando atterrano in piedi, è a causa dell’apparato vestibolare (un organo riempito di liquido nell’orecchio) e della flessibilità della colonna vertebrale.
Tutti i gatti hanno l’apparato vestibolare e hanno una colonna vertebrale flessibile rispetto ad altri animali. Quindi, in generale, un grosso gatto potrebbe / probabilmente atterrare in piedi.
Le dimensioni devono essere prese in considerazione. Dal momento che i gatti di casa sono piccoli, sono in grado di raddrizzarsi più velocemente durante una breve caduta, rispetto ad un animale più grande.
I felini più grandi richiedono più tempo per torcere il loro corpo nella forma corretta, e quindi se un grosso gatto cadesse da una bassa altezza, probabilmente non atterrerebbe sui suoi piedi. Di nuovo, questo dipende dall’orientamento del gatto quando ha iniziato a cadere.
Inoltre, i grandi felini più grandi sono meno flessibili.
Felini più agili come leopardi, coguari e giaguari sono molto flessibili e molto più leggeri di tigri e leoni, quindi sarebbero più propensi ad atterrare in piedi.
I leoni e le tigri, che possono pesare più di 300 kg, farebbero più fatica a correggere il loro equilibrio a mezz’aria. I leoni sono particolarmente noti per la loro mancanza di grazia durante l’arrampicata e, successivamente, per la loro mancanza di grazia durante la caduta.
Per riassumere, se un felino grosso atterra o meno in piedi dipende dalle dimensioni del gatto e dall’altezza della caduta.

Share this post
  , , , , , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *